USA fuori dal TPP. Washington perde credibilità

Il TPP (Trans-Pacific Partnership) non è stato cancellato per fare un favore ai lavoratori statunitensi. Il TPP è stato cancellato [1] perché Donald J. Trump vuole privilegiare gli accordi bilaterali [2]. Economicamente, per le élite statunitensi, la cosa ha parzialmente senso. Realizzando accordi bilaterali gli Stati Uniti possono far pesare maggiormente il loro peso economico. Per Washington però l’annullamento del TPP porta con sè tante altre cose, tra cui:
  • possibilità per la Cina di entrare a far parte del TPP [3];
  • maggior probabilità per Pechino di portare a termine la realizzazione della RCEP (Regional Comprehensive Economic Partnership) [4];
  • maggior probabilità per la Cina di portare a termine la FTAAP (Free Trade Area of the Asia-Pacific) [5];
  • riduzione credibilità USA nell’area (già profondamente in crisi in paesi chiave, come Filippine [6] e Malesia [7]).

Si potrebbero elencare altre realtà in cui gli Stati Uniti d’America probabilmente perderanno terreno, ad esempio nei rapporti bilaterali con il Vietnam [8], ma per ora mi fermo qua, attendendo le prossime mosse dell’amministrazione USA.

D. B.